Lunedì 16 aprile 2018

 

Verona, 52° Vinitaly – Salone internazionale dei vini e dei distillati

Sala Puccini – Centrocongressi Arena – h. 15.00 16.30

 

Cresce la richiesta di sostenibilità dei winelover italiani e internazionali e cresce, con la riforma della normativa europea sull’etichettatura, anche l’attenzione al ruolo di ingredienti come i solfiti e alla naturalità del metodo di produzione in vigneto e in cantina. Tra marchi privati e nomi di fantasia il vino biologico ribadisce il suo ruolo come unico metodo di produzione attento all’ambiente regolamentato e certificato a livello Ue.

  

PROGRAMMA 

  • 14.45 – Registrazione dei partecipanti
  • 15.00 – Saluti e introduzione i lavori

          Referente Verona Fiere

          Maria Grazia Mammuccini – FederBio

  •  15.10 – Vini sostenibili, cresce la domanda mondiale e serve chiarezza

           Silvia Zucconi – Nomisma Wine Monitor

  • 15.20 – La sostenibilità non è una gara

          Ruenza Santandrea – Alleanza Cooperative

  •  15.30 – Presentazione dell’indagine sul tenore in solfiti usato dalle aziende partecipanti a Vinitalybio

          Lorenzo Tosi – giornalista VVQ Edagricol

  • 15.40 Solfiti, la dose giusta

          Fulvio Mattivi – Università Di Trento

  •  15.50 – Nuove pratiche ammesse, nuovi approcci nei controlli (e la risorsa autocontrollo)

          Stefano Sequino – ICQRF

  •  16.00 – La risorsa certificazione

          Cristina Baia – Responsabile Schema di Certificazione – ICEA

  •  16.10 – ViniVeri, le indicazioni in etichetta

          Gianpiero Bea – ViniVeri

  •  16.20 – Vini bio, questione d’etichetta. Le proposte FederBio

          Roberto Pinton – consigliere delegato – FederBio

 

Discussione col pubblico

Moderatore: Lorenzo Tosi – giornalista VVQ Edagricole

 

Scarica l'articolo