Si terrà a Bologna, alla 30° edizione di SANASalone internazionale del biologicoe del naturale, il convegno dal titolo “Applicazione di metodi innovativi per la rintracciabilità dei prodotti dell’agricoltura biologica: il progetto INNOVABIO”. L’evento si svolgerà lunedì 9 settembre  dalle 14.00 alle 16.00 presso la Sala RONDA Centro Servizi, 1° piano, Blocco C.

È dimostrato che la differenza nelle pratiche di fertilizzazione tra il metodo di coltivazione biologico e quello convenzionale può influenzare la distribuzione isotopica di alcuni elementi presenti nei frutti e nei vegetali, con particolare riferimento all’azoto e tali pratiche possono modificare i percorsi biosintetici di determinati metaboliti (ad esempio: antiossidanti e vitamine). Il progetto ha l’obiettivo di mettere a punto un sistema di analisi basato su nuovi “traccianti” al fine di poter distinguere se le
produzioni biologiche certificate sono state ottenute con l’impiego di concimi organici azotati (ammessi dal metodo biologico)
oppure con l’impiego di concimi azotati di sintesi. Le colture studiate sono rappresentative dell’orticoltura italiana: pomodoro datterino in serra, finocchio e cavolfiore in pieno campo. Le informazioni ottenute, sommate a quelle sulla qualità intrinseca del prodotto, contribuiranno a definire un sistema di “rintracciabilità” dei prodotti orticoli biologici, importante per il trasferimento di dati tra i differenti attori della filiera e per la riduzione al minimo dei rischi connessi ai comportamenti scorretti di taluni operatori. Il progetto INNOVABIO è coordinato dal CREA—Centro di ricerca Olivicoltura Frutticoltura e Agrumicoltura di Acireale. Partecipano al progetto il CREA – Centro di ricerca Orticoltura e Florovivaismo di Monsampolo del Tronto, il CREA- Centro di ricerca Agricoltura e Ambiente di Roma, Fondazione Edmund Mach e FederBio.

 

PROGRAMMA:

14.00 – Introduzione del Progetto, Simona Fabroni, coordinatrice INNOVABIO

14.15 – I risultati produttivi del cavolfiore nel sito di Monsampolo, Gabriele Campanelli (CREA)

14.30 – I risultati produttivi della coltivazione del pomodoro nel sito di Gela, Ivano Soave (FederBio)

14.45 – Primi risultati analitici condotti presso CREA di Acireale, Simona Fabroni

15.15 – Primi risultati isotopici condotti presso FEM, Luana Bontempo

15.30 – Le prove per il 2019/20

15.45 – Conclusioni, Simona Fabroni

 

Scarica l'articolo